Brucia il Cutty Sark

cutty-sark-l.jpg

LONDRA Maggio 2007 – Il Cutty Sark, lo storico veliero veloce di tipo clipper ancorato a Greenwich, a est di Londra, e trasformato in museo, stamani è in preda a un incendio. Lo annunciano i vigili del fuoco della capitale britannica. Grande attrazione turistica, il Cutty Sark – che fece il suo ultimo viaggio in Estremo Oriente, dove prelevava thé e spezie, nel 1838 – era temporaneamente chiuso al pubblico per restauri, che avrebbero dovuto essere terminati per il 2009.
”I danni sono consistenti. Sul posto sono al lavoro otto autobotti e 40 pompieri”, ha dichiarato un portavoce dei vigili del fuoco. Nei filmati apparsi sulla televisione si vedono fiamme alte. L’allarme e’ scattato alle 04:45 locali (le 05:45 italiane), quando il fuoco sembrava essersi gia’ propagato all’insieme della nave. ”Tutto quello che so e’ che l’incendio con cui stiamo combattendo e’ di origine sospetta. E’ da non credere. Stiamo perdendo un pezzo di storia”, ha dichiarato alla Bbc Richard Doughty, numero uno del Cutty Sark Trust, la fondazione che ha in cura lo storico veliero e il suo restauro, costato 25 milioni di sterline (36,5 milioni di euro circa). Doughty ha comunque aggiunto che la meta’ del fasciame in legno era stata rimossa della nave per il restauro.
Il Cutty Sark, costruito dai cantieri Scott&Linton di Dumbarton, in Scozia, fu varato nel 1869 per battere la concorrenza nella ”gara per il the”’ dalla Cina. Ma paradossalmente il veloce veliero vide il mare quando era superato dalla storia, che aveva ceduto gia’ il primato alla nascente tecnologia delle navi a vapore. Tuttavia una gara fra Pechino e Londra con un carico pieno di the’ la disputo’ nel 1872, arrivando alle ‘’spalle” della Thermopylae, un altro clipper ultramoderno, con ‘’solo” una settimana di ritardo. Il Cutty Sark fu poi pensionato nel 1938 e da 50 anni, unico clipper ancora esistente, era stato ancorato a Greenwich, diventando un museo.

Fonte: ansa

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: