Ami amici delle tartarughe

Giugno 2007 – In Sicilia, è iniziata una interessante sperimentazione che permetterà di limitare notevolmente il rischio che le tartarughe,in particolare quelle della specie Caretta caretta che popolano le acque e le spiagge meridionali, ingeriscano gli ami da pesca ferendosi e in qualche caso rischiando la vita.
La sperimentazione prevede l’uso di un nuovo tipo di amo , di forma circolare che assomiglia alla lettera G al contrario di un amo tradizionale che invece ricorda la lettera J e che è particolarmente pericoloso se ingerito.
Il nuovo amo circolare non si infila profondamente nella carne dei rettili marini, non provoca soffocamento, non provoca lesioni interne e può essere rimosso più facilmente anche dagli stessi pescatori. L’uso di ami circolari non incide sulla quantità di pesce pescato ma riduce considerevolmente i rischi per le tartarughe.
La sperimentazione di questi nuovi ami in Sicilia è stata effettuata nell’ambito del progetto Life Natura Del.Ta. per la salvaguardia di caretta e tursiopi, progetto promosso dal Settore Conservazione Natura del Cts e dalla Provincia di Agrigento in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente.

Fonte:mareinitaly.it

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: