Studi su pesce zebra: potrebbe portare ad una cura per la cecità

LONDRA (Reuters) – La capacità dei pesci zebra di rigenerare le retine danneggiate ha fornito un importante spunto agli scienziati su come rimediare ai danni alla vista negli esseri umani, che potrebbe portare nel giro di cinque anni ad una cura sperimentale della cecità.
Ricercatori britannici hanno annunciato oggi di aver allevato con successo in laboratorio un tipo di cellula staminale trovata negli occhi sia dei pesci che dei mammiferi, che si sviluppa dando vita ai neuroni della retina.
In futuro, queste cellule potrebbero essere iniettate nell’occhio come cura per malattie quali la degenerazione maculare, il glaucoma ed altri tipi di cecità collegati al diabete, secondo Astrid Limb dell’Istituto di Oftalmologia dell’University College di Londra.
I danni alla retina, la parte dell’occhio che invia i segnali al cervello, sono responsabili della maggior parte dei casi di cecità.
“Le nostre scoperte hanno un potenziale enorme. Possono aiutare a curare tutte le malattie in cui i neuroni sono danneggiati, cosa che riguarda alla fine quasi tutti i casi di cecità”, ha detto la ricercatrice. Aggiungendo che la speranza è di giungere nel giro di cinque anni a poter effettuare un primo tipo di trapianto.
“Poichè sono facili da coltivare, potremmo fare delle banche di cellule staminali ed avere linee di cellule disponibili per la popolazione in genere, a seconda del tipo come si fa nelle trasfusioni sanguigne”, ha aggiunto.

Fonte: reuters.it

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: