Effetto serra porta Squalo Bianco tropicale in Russia

MOSCA, 26 LUG – I pescatori dell’isola di Sakhalin, estremo oriente della Russia, hanno catturato per la prima volta uno squalo bianco lungo 5 metri e pesante una tonnellata che vive normalmente nei mari tropicali. Secondo gli esperti, l’anomalia e’ una conseguenza del riscaldamento progressivo del pianeta: a causa delle temperature sempre piu’ alte le gelide acque del mare di Okhotsk sono diventate accessibili anche per i pesci dei mari caldi. Lo riferisce l’agenzia Interfax. Lo squalo bianco e’ giunto nella baia di Aniva, a Sakhalin, seguendo un branco di salmoni ed e’ rimasto impigliato nelle reti dei pescatori locali. Le autorita’ hanno subito allertato gli abitanti che si recano ad Aniva per fare il bagno, essendo la specie catturata molto pericolosa per l’uomo. ”Gli squali bianchi possono raggiungere i 12 metri di lunghezza e sono estremamente aggressivi. Non e’ raro che attacchino i bagnanti”, ha detto il direttore del laboratorio oceanografico di Sakhalin, Anatoli Velikanov. Ma il gigante del mare non e’ il solo pesce esotico arrivato nelle acque dell’estremo oriente russo. Recentemente sono stati avvistati anche branchi di lampughe, i cosiddetti pesci volanti, una specie che puo’ raggiungere anche i due metri di lunghezza.

Fonte: ansa

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: