Glauco

“Non sono un mostro, vergine, né una belva feroce,
ma un dio dell’acqua” dice. “E di me non hanno sul mare
più potere Pròteo, Tritone o Palèmone, il figlio di Atamante.
Prima però ero un mortale, ma a dire il vero già allora
il mondo mio era il mare profondo e già allora lo dominavo.
A volte trascinavo reti ricolme di pesci,
altre, seduto su uno scoglio, pescavo con canna e lenza.
Al margine di un prato verde c’è una spiaggia:
su questa si riversa il mare, il prato è coperto di un’erba
che nessuna giovenca selvatica ha mai violato coi suoi morsi,
che voi, placide pecore o irsute caprette, avete mai brucato.
Mai lì, col loro zelo, le api colsero dai fiori il polline,
mai lì si son fatte ghirlande per le feste, mai una mano armata
di falce vi è passata. Io fui il primo a sedermi
su quelle zolle, mentre facevo asciugare le reti bagnate,
171
e per contarli in bell’ordine sopra vi disposi
i pesci catturati, quelli che il caso aveva sospinto
nelle reti o la loro ingenuità sugli ami adunchi.
Parrebbe un’invenzione, ma inventare che mi gioverebbe?
a contatto con l’erba, la mia preda cominciò ad agitarsi,
a mutar lato e a guizzare sulla terra come fosse nell’acqua.
E mentre trasecolo impietrito, l’intero branco
si rituffa nel mare abbandonando la spiaggia e il nuovo padrone.
Rimango attonito, a lungo in dubbio e cerco la causa:
se opera sia stata di un nume o del succo di un’erba.
“Ma quale erba può avere questo potere?” mi dico, e con la mano
ne colgo un ciuffo e, quando l’ho colto, lo mordo con i denti.
La gola aveva appena assorbito quel succo misterioso,
che improvvisamente sentii dentro di me un’agitazione
e in petto il desiderio travolgente di un’altra natura.
Non potei resistere a lungo. “Addio, terra, addio!” dissi.
“Mai più ti cercherò!” e con tutto il corpo mi tuffai sott’acqua.
Gli dei del mare mi accolsero, onorandomi come loro pari,
e pregarono Oceano e Teti di togliermi ciò che di mortale
potevo ancora avere. Purificato sono da loro
che, pronunciata la formula contro le impurità nove volte,
ordinano che ponga il mio petto sotto il getto di cento fiumi.
E di colpo fiumi scendono da ogni parte
e mi rovesciano addosso un diluvio d’acqua.
Questo è tutto ciò che posso narrarti di quell’evento incredibile.
Solo questo ricordo: di altro non serbo memoria.
Quando rinvenni, mi sentii diverso in tutto il corpo,
diverso da com’ero, e mutato persino nella mente.
Allora mi accorsi di questa barba color verderame,
di questa chioma che trascino sulle distese del mare,
di queste grandi spalle, delle braccia azzurre
e delle gambe che attorcigliate terminano in pinne di pesce.”

Ovidio, “Metamorfosi”, libro XIII

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: