Olio di fegato di merluzzo contro la depressione

In tempo di guerra veniva dato ai bambini, che ne odiavano il sapore. Ora si scopre che le sue proprietà possono giovare anche a combattere la depressione 
E’ un rimedio che rimanda ad altre epoche, quando veniva somministrato ai bambini per aiutarli a stare in salute, grazie all’alto contenuto vitaminico. Ma adesso emerge che l’aborrito olio di fegato di merluzzo ha anche altre potenzialita’: in particolare, dice una ricerca, puo’ essere utile a evitare la depressione.
Addirittura, dicono i ricercatori, un cucchiaio al giorno riduce del 30% la possibilità di restare vittime della patologia. Nel loro studio, che viene pubblicato sul Journal of Affective Disorders, i ricercatori dell’Università di Haukeland a Bergen in Norvegia, hanno esaminato lo stato di salute e le abitudini alimentari di 22.000 persone con più di 40 anni. Hanno dunque osservato che coloro che non consumano olio di fegato di merluzzo hanno una percentuale significativamente più alta di stress, ansia e depressione. Al contrario, il 9% delle persone esaminate, che ne ingeriscono un cucchiaio al giorno, mostrano una percentuale minore del 30% di questi stati di disagio psicologico.
Secondo i ricercatori, questa è l’ennesima prova degli effetti benefici degli acidi grassi detti Omega-3, che sono una componente fondamentale dell’olio. Gli Omega 3, secondo diversi studi, sono utili a proteggere da ictus e infarto, e persino dal tumore. L’olio di fegato di merluzzo viene ottenuto cuocendo al vapore il fegato di questi pesci, per poi pressarlo ed estrarne il prezioso liquido, che è ricchissimo di vitamina A e D. In Gran Bretagna, durante la seconda guerra mondiale, veniva distribuito gratuitamente ai minori di 5 anni, alle donne incinte e a quelle che allattavano.

Fonte: Newton

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: