Mare pulito: Codacons dice basta a “golette, bandierine e pagelline”

Basta con “golette, bandierine e pagelline” date da enti non terzi. L’associazione di difesa dei consumatori Codacons si dice d’accordo con Adriano Celentano e chiede più garanzie per i consumatori, spiegando che “la miglior garanzia è che chi fa le analisi sia un ente certificato che sia effettivamente terzo”. Parlando della eccessiva cementificazione della costa ligure il cantante nei giorni scorsi era stato critico anche con Goletta Verde, “un’autorità riconosciuta in campo nazionale – aveva detto – che se la cava assegnando ai vari comuni il titolo di Mare Blu, nel senso che quando il mare è blu non ci sono batteri”. Il Codacons in una nota spiega che senza terzietà dell’ente certificatore, può succedere – come effettivamente successo – che una località marina venga promossa da un’organizzazione e bocciata da un’altra. “Con tutto il rispetto possibile ed immaginabile per Legambiente – aggiunge – e per le sue storiche battaglie, il fatto che Ermete Realacci, Presidente onorario nonché leader indiscusso dell’associazione, sia in Parlamento, eletto nelle liste dell’Ulivo, e sia nell’Esecutivo della Margherita, non depone certo a favore della terzietà dell’associazione”. La nota sottolinea che anche “l’Arpa è, purtroppo, invasa da nomine politiche”. Poi si chiede: “Può un dirigente fare un dossier per dimostrare che una Regione ha violato la normativa in materia ambientale, se è nominato da chi governa la Regione stessa?”. Il Codacons aggiunge che valuterà se esistano elementi penalmente rilevanti nell’assegnazione contraddittoria delle pagelle alle località di mare e che presenterà, nel caso, esposti alle Procure competenti.
Fonte: IVG.it

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: