Disabili: ipovedente si immerge al Plemmirio per oltre 40 metri, e’ record in Sicilia

Siracusa, 26 ago. – (Adnkronos) – Una passione incredibile per il mare, anni di allenamento e una volonta’ di ferro: sono queste le ‘armi’ che hanno permesso a una giovane sub ipovedente, Benedetta Spampinato, di battere il record e immergersi oltre i 40 metri di profondita’. Provetta sub, il mare e’, per Benedetta, la sua grande passione. Ma Benedetta Spampinato ha qualcosa che la distingue dai milioni di appassionati di immersioni: la giovane siciliana e’ infatti ipovedente. Un handicap che non le ha impedito di coltivare la sua grande passione per il mare e che non ha fermato la sua voglia di mettersi alla prova e superare barriere che sembrano ai piu’ insormontabili. Questo mix tra passione e volonta’ oggi le ha permesso di superare un record mondiale: immergersi ad una profondita’ superiore ai 40 metri, un’impresa mai effettuata prima da un portatore di handicap e che rappresentava, fino ad oggi, il record mondiale di immersione ad aria per i diversamente abili.
L’impresa e’ stata affrontata e superata questa mattina, nelle acque dell’Area Marina Protetta del Plemmirio, alle porte di Siracusa, una delle aree marine protette che fin dalla loro nascita hanno voluto portare avanti la filosofia dell’accessibilita’ totale, con programmi e servizi pensati ad hoc per bambini e portatori di handicap. Questa mattina, infatti, al fianco di Benedetta, oltre al suo istruttore e preparatore, Carmelo La Rocca, responsabile per la Sicilia Orientale dei programmi di addestramento ‘Handicaped Scuba Association’ e al tram del Plemmirio, guidato dal suo direttore, Enzo Incontro, la giovane subacquea siciliana ha potuto contare su uno staff d’eccezione, a partire dal signore degli abissi, simbolo stesso del mare, Enzo Maiorca.
Un’impresa che e’ un invito a tutti i diversamente abili ad avvicinarsi al mare e che cerca di sensibilizzare istituzioni e privati a renderlo accessibile anche a chi normalmente ne viene escluso. Insieme a Benedetta c’erano i membri dell’Unicef di Siracusa e i rappresentanti di diverse associazioni di disabili, in particolare l’Unione Italiana Ciechi e il gruppo subacqueo ‘I Delfini’ di Catania.

fonte: Yahoo.notizie.it

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: