KENYA: NAOMI E BRIATORE NEL MIRINO DEGLI ECOLOGISTI

14a.gif

LONDRA  – Naomi Campbell è finita nel mirino di ecologisti e animalisti per un controverso albergo di super-lusso con annesso casinò che vorrebbe costruire assieme ad un illustre ex, Flavio Briatore, a Malindi su un punto della costa kenyana dove tre rare specie di tartarughe depongono le uova.
“L’albergo avrebbe un impatto molto negativo sul santuario delle tartarughe e distruggerebbe anni di attento lavoro per la protezione di queste specie”, avverte Athman Seif, direttore della Malindi Marine Association, in dichiarazioni riportate oggi dal ‘Times’ di Londra. L’associazione con a capo Seif si batte per la tutela ambientale della costa di Malindi e accusa la ‘venere nera’ e il boss della squadra Renault di Formula Uno di voler costruire in barba al piano regolatore locale un albergo da mille e una notte, con quaranta appartamenti e sala da gioco. Il complesso, da 150 milioni di euro, dovrebbe chiamarsi ‘Billionaires Resort’.
“Vogliamo costruire un albergo a sei stelle per le persone top del pianeta”, ha detto di recente la supermodella a supporto di un’iniziativa che a Malindi sembra però raccogliere soprattutto pollici versi malgrado prometta di creare parecchi nuovi posti di lavoro per la gente del posto. “Il nuovo progetto – tuona ad esempio Terry Hill, capo dell’associazione dei residenti di Malindi – è per noi una brutta notizia. Il nostro litorale di sabbia bianca un tempo bello sta diventando una lunga linea di cemento”. “Progetti simili – incalza Stephen Trott, direttore di ‘Local Ocean Trust’, un’altra associazione creata per la tutela di quell’incantevole costa ormai a rischio – distruggono proprio la cosa che la gente viene qui a cercare”. In un’ampia corrispondenza, il quotidiano londinese precisa che a Malindi Briatore gestisce già un albergo – ‘White Elephants’ – detestato dai locali: sarebbe infatti considerato “orrendo” e un vistoso simbolo di un turismo cementizio “da evitare”.
A detta degli animalisti l’albergo ideato dalla joint venture di Naomi con il suo ex-boyfriend italiano sarebbe particolarmente nefasto per tre rare specie di tartaruge (che proprio a Malindi e nella vicina baia di Watamu depongono le uova) e potrebbe essere di ostacolo ad altri due tipi di tartarughe che sostano in quella zona durante la migrazione dall’Africa del sud verso Maldive e Seychelles. La levata di scudi dovrebbe spiazzare in modo particolare l’affascinante e bizzosa Naomi che negli Anni Novanta ha partecipato molto attivamente alle campagne animaliste contro le pellicce al punto da far suo lo slogan: “Preferisco andare in giro nuda piuttosto che impellicciata”. Nella sua corrispondenza il Times non manca di sottolineare che italiani pentiti di mafia si sono sistemati a Malindi – dove già si trova “uno dei più famigerati casinò del Kenya” – e “sono accusati di incoraggiare le attività criminose”.

fonte: ansa 

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: