Aguamala

portrait-of-a-young-woman-1896-97-giclee-print-c11725401.jpg

I capelli le ondeggiano al vento.
Increspati. Annodati dal sale.

“Osserva il mare dal suo scoglio.”

Il mare non è per tutti. Potrebbero dirvelo gli uomini del porto.
Quelli che il mare lo hanno dentro sanno.
Dicono che abbia gli occhi strani. Persi in non si sà cosa.
Lei è lì.
In giorni di sole. In giorni di vento.
Ha la pelle dell’acqua, così dicono.
Liscia come seta.
Levigata.
La pelle dell’acqua.
Osserva il mare.
Silenziosamente.
In giorni di sole, in giorni di vento.
Come un fantasma.
Senza sorriso.
Gli uomini del porto dicono che è innamorata del mare.

“Non sà amare null’altro che l’acqua di mare.”

Non guardarla negli occhi.
Sono fondale da non esplorare.
Segreta memoria custodita dal mare.
Così sono i suoi occhi.

“Non guardarla negli occhi…”

Dicono che la sua pelle abbia il profumo intenso del sale.
Potrebbe stordirti se la respirassi da vicino.
Potresti non fare ritorno da quel mare.
Dalla sua pelle che profuma di sale.

“Lei non sà amare null’altro che l’acqua di mare.”

Aguamala.
Non buona.
Acqua salata che non disseta.
Non è mare da navigare.
Così dicono.

©G.d.M.

schizzo di Gustav Klimt, “Portrait of young woman”

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: