Una tuta da jogging fatta con i gusci del granchio

immagine11.jpgMILANO-Nasce una nuova fibra il “crabion” ricavata dal guscio dei granchi per produrre capi di abbigliamento sportivo.
È una delle novità in mostra al Samab, il salone per le tecnologie dedicate all’industria della moda, che ha aperto oggi nel polo fieristico di Fiera Milano city. Alla vista e al tatto il tessuto sembra normalissimo ma ha una serie di qualità che lo rendono ottimo per l’attività sportiva: «Il chitosano – spiegano allo stand della TexClubTec, un’associazione di 120 aziende tessili impegnate nell’innovazione – cioè il prodotto contenuto nel carapace da cui si ottiene poi il crabion, è altamente antibatterico e contrasta quindi i cattivi odori della sudorazione. Inoltre è biodegradabile al 100%, emostatico e anallergico».
«In realtà – rassicura Aldo Tempesti, presidente di TexCLubTec – al momento non esiste un allevamento di granchi creato appositamente per questo scopo, anzi si ricicla, utilizzando i prodotti di scarto dell’industria alimentare».
Tante altre le innovazioni esposte, come un giubbino dotato di un sistema interno di tubicini con un liquido che scalda o rinfresca a seconda delle situazioni. O un tessuto fatto con il bambù, anche questo altamente anallergico, un giubbotto che protegge dalle onde elettromagnetiche, una maglia ignifuga usata dai piloti di F1 e un filato di cotone e fibra d’argento, termostatico e anallergico.
Questi e altri materiali tessili altamente innovativi saranno l’argomento al centro di un convegno che si svolgerà giovedì mattina all’interno del Samab.

Fonte: LaStampa

Annunci

One Response to Una tuta da jogging fatta con i gusci del granchio

  1. Nando Scafroglia ha detto:

    Poveri granchi… già il chitosano viene utilizzato nell’industria alimentare e farmaceutica per fare prodotti dimagranti…

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: