Le acciunghe sotto sale liguri sono protette

immagine.jpgLe acciughe pescate nel Mar Ligure e messe sotto sale nelle caratteristiche «arbanelle» di vetro hanno ottenuto dall’Unione Europea la certificazione IGP – Indicazione Geografica Protetta. È la prima volta che un prodotto ittico italiano può fregiarsi dell’importante riconoscimento pubblicato nei giorni scorsi dalla Gazzetta Ufficiale della UE. «È un risultato molto importante che la Regione Liguria, inseguiva da dieci anni e che è stato centrato grazie a un lungo lavoro con il comitato promotore di diverse cooperative di pescatori e con l’Osservatorio ligure per la pesca e l’ambiente» ha spiegato l’assessore alla Pesca Giancarlo Cassini. Augusto Comes, responsabile di Federcoopesca e Lara Servetti di Legacoop-Legapesca hanno ricordato che la trasformazione delle acciughe sotto sale interessa una percentuale limitata, che non supera le 15 tonnellate annue, quantità che, con l’IGP la valorizzazione del prodotto e una serie di interventi regionali a sostegno del pesce azzurro, potrebbe in futuro raddoppiare e crescere ulteriormente.

Fonte: LaStampa

Advertisements

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: