BALENE: ANCHE LA SEA SHEPHERD LASCIA L’ANTARTICO

SYDNEY – Gli attivisti anti caccia alle balene della Sea Shepherd rinunciano a tallonare le baleniere giapponesi e seguono Greenpeace in porto. Entrambi devono tornare a terra perché a corto di carburante. Allontanati gli ambientalisti, la nuova offensiva arriva questa volta dal Giappone, che attraverso un video su YouTube attacca l’Australia e il suo “falso moralismo”, nel difendere le balene pur “uccidendo senza problemi i canguri”.
Il video diffuso su YouTube, in inglese e sottotitolato in giapponese, oltre a ricordare che ogni cultura ritiene sacri diversi animali (per esempio la mucca per gli indù), accusa apertamente l’Australia di razzismo, per “aver sottratto 100mila bambini aborigeni alle loro famiglie perché appartenevano a una cultura barbarica”.
“L’Australia, in prima fila contro l’uccisione delle balene, non ha problemi a uccidere migliaia di canguri ogni anno”, dice il video, lungo quasi sette minuti. Va anche ricordato che dal dicembre scorso la guardia costiera giapponese accompagna le baleniere in funzione anti-ecologisti. La guerra per le balene tuttavia non accenna a spegnersi. Oggi il battagliero capitano della Sea Shepherd, Paul Watson, ha annunciato: “Il prossimo anno torneremo con due navi. Quando la prima finirà il carburante invieremo la seconda. Se talloniamo i giapponesi fino alla fine della stagione della pesca non potranno uccidere nemmeno una balena”.
Nei mari ghiacciati dell’Antartide è rimasta la flotta delle baleniere (la Nisshin Maru, che lavora e congela la carne pescata, tre baleniere e due navi vedetta), e la Ocean Viking, la nave inviata dal governo australiano per raccogliere prove della pesca illecita dei giapponesi. Non si sa se i giapponesi abbiano ripreso la mattanza, che quest’anno aveva per obiettivo la cattura di 935 balene.

Fonte: Ansa

Advertisements

Una risposta a BALENE: ANCHE LA SEA SHEPHERD LASCIA L’ANTARTICO

  1. Francesco ha detto:

    chiunque abbia una cultura e capacità di ragionamento sane dovrebbe capire che sea shepherd è dalla parte sbagliata tanto quanto le baleniere.
    sono un’accozzaglia di esibizionisti, senza nessun requisito che operano in modo illogico e stupido nonché illegale (come quando hanno abbordato la nave jap).
    non dico che non si deve passare alle vie di fatto, ma per scendere in guerra bisogna essere preparati, organizzati ed operare nel giusto modo.
    sea shep non sono altro che banali ignoranti allo sbando.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: