CLIMA:TERMOSTATO OCEANICO PROTEGGE CORALLI DA RISCALDAMENTO

ROMA – A proteggere le barriere coralline dal riscaldamento globale c’e’ un termostasto naturale, proprio nelle acque dell’oceano. Tale fenomeno e’ stato osservato, come si legge sulla rivista ‘Geophysical research letters’, nella Western Pacific Warm Pool, una regione a nord-est dell’Australia, dove le temperature della superficie dell’oceano sono salite molto meno che nel resto dei tropici. In questa zona infatti gli scienziati hanno visto che lo sbiancamento dei coralli e’ stato minore rispetto ad altre aree dove il riscaldamento e’ stato maggiore. Confermando cosi’ l’idea che negli oceani aperti c’e’ un termostato naturale che evita che le temperature superficiali dell’acqua superino i 31°, proteggendo i coralli cresciuti in acque naturalmente calde, al contrario dei coralli che vivono in acque un po’ piu’ fredde e che devono fronteggiare riscaldamenti piu’ significativi. ”Il riscaldamento globale – spiega Joan Kleypas, coordinatrice dello studio – sembra che non tocchi le barriere coralline che ospitano la piu’ grande biodiversita’ del pianeta. In sostanza, le scogliere che sono gia’ in acque calde sono piu’ protette dal riscaldamento rispetto a quelle che si trovano in acque piu’ fredde”. Tra le varie minacce cui sono esposti i coralli, il riscaldamento globale e’ quella piu’ pericolosa perche’ puo’ portare allo sbiancamento dei coralli, che diventano bianchi dopo aver espulso tutte le alghe colorate che gli danno nutrimento, e morendo nel giro di poco tempo. Tra il 1980 e il 2005 solo quattro episodi di sbiancamento sono stati segnalati invece nella Western Pacific Warm Pool. Qui la temperatura e’ in media di 29°, valore vicino al limite dei 31°. Le acque si sono scaldate la meta’ rispetto alle aree piu’ fredde degli oceani.

Fonte: Ansa

Advertisements

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: