NORVEGIA, AUTORIZZATA CACCIA 1.052 BALENE NEL 2008

OSLO – La Norvegia ha autorizzato oggi i suoi cacciatori ad arpionare 1.052 piccole balenottere durante il 2008, la stessa cifra degli ultimi due anni, durante i quali pero’ e’ stata uccisa solo la meta’ dei cetacei. ”La quota e’ all’interno di un intervallo che, secondo i ricercatori, assicura una sicurezza sufficiente per garantire la protezione delle piccole balenottere”, ha indicato il ministero della Pesca norvegese in un comunicato. Stimando che la popolazione di balenottere minori del nord (Balaenoptera acutorostrata) sia abbondante, Norvegia e Islanda sono gli unici paesi al mondo ad autorizzare la caccia commerciale del cetaceo, teoricamente protetto da una moratoria internazionale del 1986. Nel corso delle ultime due stagioni di caccia, che si estendono generalmente dall’inizio di aprile alla fine di agosto, i cacciatori di balene norvegesi hanno ucciso solo la meta’ del numero della quota di cetacei stabilita dal governo. Secondo i cacciatori, le difficolta’ sono dovute alla ripartizione geografica inadeguata delle quote, al costo elevato del gasolio, alle cattive condizioni meteorologiche e al rallentamento nella catena di trattamento e distribuzione. Per facilitare l’incarico, il governo norvegese, ha autorizzato di cacciare 900 animali lungo le coste norvegesi, nell’arcipelago di (Spitzberg) e nel mare di Barents. Greenpeace ha detto oggi di non approvare la decisione del governo norvegese di mantenere le quote. ”A dispetto delle campagne di marketing, non c’è alcun segno che mostri che la domanda di carne di balena segua una curva discendente”, ha affermato l’organizzazione in un comunicato. ”Il sostegno continuo del governo alla caccia di balene non e’ che una politica simbolica per dare l’illusione che si preoccupi delle comunita’ costiere in difficolta”’, ha aggiunto Greenpeace.

Fonte: Ansa

Annunci

I commenti sono chiusi.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: