La pesca illegale non si ferma

Ormeggiato al porto siciliano di Porticello-Porto Bagnera, il peschereccio Giuseppina Madre ostenta senza pudore il suo efficientissimo “arsenale” : una decina di chilometri di reti di nylon alte più di trenta metri che in alto mare oscillano sotto l’azione delle correnti e catturano gli animali avvolgendoli tra le sue maglie. Si tratta delle cosiddette spadare, ancora ampiamente utilizzate in Italia per la cattura di tonno e pesce spada, nonostante la normativa europea le abbia messe al bando nel 2002.Di imbarcazioni come quella siciliana Oceana, l’organizzazione internazionale per la conservazione marina, ne ha contate più di un centinaio concentrate per lo più in alcuni porti tra cui Sorrento, Sant’Agata di Militello, Lipari, Ponza, Bagnara Calabra.
Con tanto di foto, questa flotta abusiva è finita in calce al Rapporto “Reti derivanti italiane: la pesca illegale non si ferma” presentato lo scorso 9 giugno a Roma da Oceana insieme all’associazione Marevivo.  Una cinquantina di pagine in cui sono riportati i risultati di tre campagne (2005, 2006, 2007)  nelle acque del Belpaese: a sei anni dall’entrata in vigore della legge il tasso di violazioni  è ancora altissimo e in alcuni dipartimenti marittimi, come Milazzo, il 36 per cento dei pescherecci mantiene a bordo reti derivanti (21 per cento a Palermo, 9 per cento a Reggio Calabria). Evidentemente i compensi ricevuti grazie ai vari “Piani spadare”, oltre 900.000 euro negli ultimi tre anni, per la riconversione ad altre attrezzature non hanno soddisfatto le ambizioni di guadagno dei pescatori, che lamentano un calo medio del 25 per cento del profitto.
I primi sussidi i pescherecci italiani cominciarono a riceverli già nel 1998, quando la guerra alle spadare era appena cominciata e i regolamenti europei imponevano solamente una graduale riduzione della  lunghezza delle reti (fino a 2,5 metri). Ma anche allora la misura massima imposta per legge veniva violata con estrema disinvoltura come denunciava a Galileo Iliaria Ferri degli Animalisti italiani (Il ritorno delle spadare): “In Italia si sono continuate ad usare reti di lunghezza assai superiore fino a 18-20 chilometri, provocando danni gravissimi alla fauna del Mediterraneo”.
Note infatti anche come “muri della morte”, le spadare sono responsabili della cattura accidentale (bycatch) di specie protette come delfini e tartarughe marine e si calcola che 10.000 cetacei muoiano ogni anno impigliati nelle nelle loro trame (Reti fuorilegge ). Tanto che l’Unione Europea si era sentita in dovere di correre ai ripari con l’adozione di alcuni strumenti che aiutassero i delfini a evitare quelle trappole letali, tra cui i tanto criticati dispositivi acustici di dissuasione (cosiddetti “pinger”) a bordo dei pescherecci (Segnaletica per delfini). 
Ma  le spadare non risparmiano neanche gli squali del Mediterraneo, oramai ridotti al lumicino secondo un recente studio italiano pubblicato su “Conservation Biology” (Squali addio): “Non è meno preoccupante la cattura di varie specie di elasmobranchi”, si legge nel Rapporto di Oceana. “Le prove a nostra disposizione indicano che l’abbondanza e la diversità di queste specie nel Mediterraneo è in declino, oltre a trovarsi in uno scenario ben peggiore rispetto al resto delle popolazioni del mondo”.
Inoltre, a rendere insicure le acque italiane contribuiscono altre attrezzature per la pesca, vietate nel resto d’Europa, ma permesse da noi grazie a un decreto ministeriale del 2006. E’ così infatti che da un paio di anni sono riaffiorate dalle acque del Mediterraneo le “ferrettare”, gemelle più piccole delle spadare, che la normativa europea del 2002 accettava solo a  determinate condizioni: uso a una distanza dalla costa inferiore alle tre miglia, lunghezza massima di due chilometri. Il decreto invece ha ampliato i margini: impiego fino a 10 miglia nautiche dalla costa e lunghezza fino a 2,5 metri,  rendendo la “pesca all’italiana” un pericoloso precedente che altri paesi europei potrebbero essere tentati di seguire (Nella rete per distrazione).
Per evitare quindi il rischio che ogni paese possa legiferare a seconda delle proprie esigenze, Oceana chiede innanzitutto al governo italiano di revocare il decreto sulle ferrettare e inoltre invita le istituzioni italiane ad aumentare i controlli nei porti e in mare grazie all’impiego di “scatole nere” che consentano il controllo dell’attività via satellite, a rendere più trasparenti i dati, a esigere il rimborso dei contribuiti percepiti e il ritiro delle licenze in caso di violazioni accertate. Attirandosi, inevitabilmente, le antipatie di tanti pescatori. Si avrà il coraggio di farlo?

Fonte: Galileo

Pensiero dello staff di Mediterraneo…Forse, non si tratta solo di una questione di coraggio. Ma di impegno reale. Purtroppo anni di pesca selvaggia hanno impoverito i nostri mari. Nessuno può dire il contrario. Ma crediamo che debba essere tutelato anche l’onesto pescatore, che si ritrova con l’acqua alla gola e non riesce più a provvedere ai bisogni della famiglie. 
Come al solito, non si cerca di trovare la giusta misura nelle cose.
Lo stato italiano è assente. I soldi dei contribuenti vengono sperperati inutilmente, e non si realizzano mai normative che tutelino pesca e pescatori. Il problema primario, sono le intercettazioni
Siamo daccordo alla regolamentarizzazione. Ma se poi mancano i controlli? Gli onesti pagheranno sempre prezzi troppo alti. Non si può solo vietare. Bisogna proporre valide alternative. Perchè se queste mancano, è ovvio che ci ritroveremo sempre con pescherecci che usano mezzi illegali.
Eppure, nonostante se ne faccia un gran parlare, siamo sempre allo stesso punto…
Riportiamo sotto 2 commenti lasciati all’articolo “Tonno rosso, pesca illegale con aerei tra Malta e Lampedusa” . Esprimono tutto il disagio riguardo al problema. Non possiamo non essere solidali. E’ facile, come scrive Erika, parlare quando si hanno le tasche piene…

“Erika
Non ne possiamo più di tutte le vostre assurdità,noi non possiamo vivere….andate a lavorare piuttosto che disturbare chi lavora onestamente,la nostra pesca non è una pesca “pirata”come la chiamate voi,i nostri genitori rischiano in mare per farci vivere e voi non siete nessuno per ostacolarci.La quota è stata rispettata,adesso non scocciate controllate chi piuttosto non la tiene e non ha neanche il permesso per pescare.Ambientalista fino a un certo punto,non penso che voi non mangiate la carne!Avete le tasche piene,noi non possiamo mangiare….a questo punto dateci voi i soldi per vivere e noi non andiamo più a lavorare,capito?avete messo un paese in ginocchio,quante famiglie ora non possono vivere,lo sapete?!?!è una vergogna

“Milena
Le tonnare di Cetara non sono altro che i sacrifici di una vita…una vita dedita al lavoro .. ma cosa ne sapete voi che non fate niente dalla mattina alla sera ..

Annunci

One Response to La pesca illegale non si ferma

  1. francesco ha detto:

    non si puo piu lavorare si puo solo rubare e ammazzare persone perche chi lavora viene condannato. stiamo facendo la fame del terzo mondo

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: